Poesie

buco giardino

Primavera

Primavera dʼacqua
Sullʼarida scogliera
Della prima estate.

 

 

Autunno

Sulla terra matura
scivola lucida l’alba
e l’acero si china.

 

 

Giornate pigre

Pomeriggio dʼestate
Pallido muro tra i pruni.
Crepe rosse rompono e sʼ intrecciano.
Fronde di mare levano picchi nel sole.
Meraviglia è la vita in una muraglia di cocci.


 

Vento di marzo

La gioia è un vento di marzo
Bizzarro e capriccioso, dispettoso e curioso.
Corre veloce nei vicoli stretti
Fischia nelle orecchie, scuote finestre, trascina lattine.
Arrossa le guance alla vecchia vicina,
inumidisce gli occhi agli uomini duri.

Si acquieta e tace.

 

In un soffio

Primavera. Arriva a sorpresa
nel freddo di febbraio
nel sole di marzo
asciutto e limpido.
Un brivido percorre la terra
che, ricoperta e gaia,
allontana la sera cosciente.
Si sta e si rinvigorisce,
in questo rinascere che incide
con impazienza sbarazzina,
il miglior tempo della nostra vita,
che in fretta muta in estate.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...