Una stanza tutta per gli altri – Alicia Giménez – Bartlett

Rodmell

Alicia Giménez – Bartlett, famosa scrittrice spagnola di gialli con protagonista Petra Delicado, ha scritto anche un curioso romanzo, fuori serie, accogliendo la sfida lanciata inconsciamente da Virginia Woolf nei suoi diari: «Se questo diario non l’avessi scritto io e un bel giorno dovesse cadere nelle miei mani, cercherei di scrivere un romanzo su Nelly, sul suo personaggio. Tutta la storia fra noi, gli sforzi miei e di Leonard per liberarci di lei, le nostre riconciliazioni».
Nelly Boxall era la cameriera di Virginia che le visse accanto dal 1916 fino al 1934, prima domestica adorata e poi sempre più odiata, fino all’allontanamento.
Da questo la Bartlett prende spunto e, rintracciate le memorie della cameriera Nelly, acquistate ad un’asta da Lady Lane, scrive la storia di Nelly.
Il titolo fa la parodia e la parafrasi a quello della Woolf: ‘Una stanza tutta per gli altri‘ (‘Una stanza tutta per sé’).
Un modo originale di scrivere della vita di Virginia e del suo entourage da un punto di vista inedito. Per chi voglia cimentarsi in un modo differente di scrivere biografie.

Dietro questi alberi nessuno mi vedrà o, per meglio dire, non verrò notata. Ho l’aria di una donna rispettabile che si è fermata un attimo per osservare un funerale. C’è sempre gente che si ferma a guardare i funerali o i matrimoni all’uscita delle chiese. Lei sarà cremata. Lottie mi ha detto che le ceneri verranno conservate a Rodmell, sotto l’olmo. In famiglia si è parlato di mettere una targa inchiodata al tronco con un’iscrizione: «Oh, morte!», presa da uno dei suoi romanzi. Molto poetico. Povera Lottie, si commuoveva nel raccontarlo, non è ancora riuscita a liberarsi, è ancora lì che gira nel labirinto del luna – park, ritrovandosi sempre le stesse facce dipinte sulle pareti. Non è facile uscirne, ma io l’ho fatto. Oh, morte! Mi sembra ancora di sentirla attraverso la porta, mentre legge una pagina per gli amici, impostando la voce, o sussurrando basso basso, perché tutti pensassero che fosse una donna dolce.

 

 

Photo: http://www.snipview.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...