La luna fredda – Jeffery Deaver

la luna fredda

“Quanto tempo hanno impiegato a morire?”
L’uomo a cui era stata posta la domanda sembrò non averla sentita. Guardò di nuovo nello specchietto retrovisore e si concentrò sulla guida. Era appena passata mezzanotte e le strade di Lower Manhattan erano ghiacciate. Un fronte di aria fredda aveva spazzato il cielo e trasformato la neve che lo aveva preceduto in una patina scivolosa sull’asfalto. I due uomini erano a bordo della Band-Aid-Mobile, come vincent lo sveglio aveva battezzato la SUV scura.

Incipit di La luna fredda
Jeffery Deaver

Ho assistito ad una conferenza di Deaver, in una bellissima libreria di Padova che ha chiuso. Gentilissimo, mi ha anche autografato due libri. Molto interessante la descrizione di come costruisce i libri. Lavora proprio di cesello. Nulla al caso. Costruisce tutta la trama e ci perde anche un anno intero. Il resto diventa facile, ha detto lui. Scrivere un libro: lavoro da artigiano o da artista pervaso dal furore dell’ispirazione?